In primo piano

Chi ha interessi per l’ennesimo impianto inquinante?

Digestore anaerobico di Scampia: una indigestione di strumentali bugie

Ci risiamo! La speculazione legata al recupero energetico da rifiuti si concretizza a Napoli nel nuovo digestore anaerobico voluto dall’amministrazione Comunale di Napoli. Così la Campania viene usata, ancora una volta, come terreno di sperimentazioni politiche a danno dei suoi abitanti.
24 marzo 2015 - Coordinamento Regionale Rifiuti

Ci risiamo! La speculazione legata al recupero energetico da rifiuti si concretizza a Napoli nel nuovo digestore anaerobico voluto dall’amministrazione Comunale di Napoli. Così la Campania viene usata, ancora una volta, come terreno di sperimentazioni politiche a danno dei suoi abitanti.

Come denunciamo da anni, esiste una nuova ed ennesima frontiera del business sui rifiuti che si basa sul recupero energetico tramite impianti a biomassa/biogas. Oggi la dimensione speculativa che sottende alla realizzazione di tali impianti si mostra in tutta la sua vastità e pericolosità. Su tale impiantistica si concentra infatti da tempo un’enorme attenzione da parte di diversi soggetti politico/amministrativi e imprenditoriali e su di essa, negli ultimi mesi, con cadenza quasi quotidiana, si registra una crescente accelerazione nella proposta di realizzazione di nuovi progetti. Diventa sempre più chiara la convergenza di inconfessabili interessi speculativi connessi all’”affare biogas”: un affare per pochi, fondato unicamente sulla “ragione finanziaria” rappresentata dall’enorme quota di incentivi statali che vengono erogati per la produzione del biogas/biometano.

Dunque, anche in Campania, in linea con quanto avviene da tempo nelle altre regioni, in particolare del centro/nord, stiamo assistendo al moltiplicarsi di iniziative, promosse sia dalle amministrazioni locali che da privati, con il chiaro intento di “imbottire” il territorio di impianti a biogas/biometano (inutili, impattanti, costosissimi e speculativi) opportunamente agevolati ed incentivati. Il tutto, ovviamente, va a discapito delle semplici, economiche e “naturali” soluzioni di compostaggio aerobico delle quali noi, “realtà storiche” che si occupano della tutela ambientale del territorio, reclamiamo da anni la realizzazione. Riteniamo infatti che le soluzioni basate sul compostaggio aerobico siano l’unico modo serio e rispettoso dei cicli naturali per trattare e valorizzare in maniera seria l’umido da Raccolta Differenziata in un’ottica di Riciclo Totale della Materia, l’unica scelta tecnica di filiera capace dunque di ricavare dall’umido un vero compost di qualità, da utilizzare per il miglioramento della fertilità dei nostri terreni agricoli ed il recupero della qualità della terra.

Contro l’interesse degli abitanti, della salute e delle produzioni sane, la classe dirigente campana, con la connivenza di imprenditori ed “esperti di parte”, preferisce aderire alla logica speculativa. Quindi, dopo il digestore anaerobico da 30.000 tonnellate/anno realizzato a Salerno, funzionante a pieno regime, si progettano digestori anaerobici per produrre biogas/biometano dalla parte organica dei rifiuti urbani a San Pietro a Patierno, Benevento, Alife, Calvi Risorta, Giugliano, Santa Maria La Fossa, Casalduni, Molinara, Eboli, Santa Maria Capua Vetere e in decine di altri comuni in tutta la regione. Ora è la volta di Napoli.

L’amministrazione napoletana ha annunciato  qualche settimana fa l’intenzione di realizzare un digestore anaerobico da 20.500 tonnellate annue nel martoriato quartiere di Scampia. Il progetto presentato riguarda il primo di tre impianti già pianificati; faranno seguito progetti impiantistici per i quartieri di Ponticelli e Bagnoli. Così, scegliendo di costruire impianti inquinanti, energivori e costosi, la giunta De Magistris infligge un colpo mortale a qualsiasi ipotesi di riqualificazione di questi quartieri e nega agli abitanti il diritto a vivere in un contesto sano e produttivo.

Il bando di gara, previsto a giorni, si basa su un progetto elaborato dalla GESCO - Gruppo di Imprese Sociali, che ha costituito un'associazione temporanea d'impresa con le aziende Ceif e Tecton. L'appalto, al termine della gara europea, e dopo 2 precedenti bandi andati deserti, dovrebbe essere aggiudicato alla GESCO, consorzio di cooperative sociali che ha come responsabile Sergio D'Angelo, ex assessore alle politiche sociali al comune di Napoli. Ciò emerge dal dibattito tra il vicesindaco Tommaso Sodano e il patron di GESCO, a seguito della conferenza stampa convocata dall’amministrazione, e dalle notizie di stampa dei giorni seguenti.

Quanto accaduto dopo è storia nota: nello stesso giorno alcune componenti del cosiddetto movimento “dal basso”, in parte di recente formazione (Rete Commons, Stop Biocidio, Cittadini Campani per un Piano Alternativo dei rifiuti, CCF Coord. Comitati Fuochi, Osservatorio verso Rifiuti Zero) nonché ISDE Campania (quest’ultima in controtendenza con la posizione ufficiale di ISDE nazionale, sostanzialmente critica verso tale scelta impiantistica) si sono precipitate a sostenere acriticamente l’amministrazione napoletana: hanno quindi pubblicato tempestivamente comunicati di appoggio incondizionato e promosso incontri “informativi” totalmente orientati a dare sostegno e giustificazione al progetto napoletano, diffondendo informazioni false e deviate sull’impianto stesso, sul suo reale funzionamento, sulle sue vere finalità (negando la speculazione finanziaria insita nel recupero energetico da rifiuti), e persino sulla sua reale denominazione (infatti tuttora si ostinano a definire il digestore anaerobico previsto per Scampia un “impianto di compostaggio”, quando è chiaro che tale non è).

Su un punto vogliamo essere molto chiari: il digestore anaerobico di Scampia (categoria: impianto a biomassa/biogas) è identico alle altre migliaia di impianti a biomassa/biogas disseminati in tutto il territorio nazionale, o in via di autorizzazione/progettazione/realizzazione.

Siamo di fronte alla concretizzazione del ciclo integrato dei rifiuti, tanto caro ai vecchi ambientalisti, una filiera infinita di impianti che depauperano la materia e che trattano rifiuti per produrne altri ancora peggiori, a fronte di una raccolta differenziata napoletana che dallo sbandierato “porta a porta” sta rocambolescamente migrando verso la pessima raccolta stradale finanche dell’umido, con conseguenze dirette sulla qualità della raccolta stessa a giustificazione ulteriore della scelta di simili progetti.

Quello di Scampia non è certo un impianto "particolare", né potrà produrre compost di qualità, come in modo fraudolento affermano i suoi sostenitori, necessitando piuttosto di ulteriori processi di “trattamento” dei prodotti finali in uscita dallo stesso. E questo, purtroppo, non è novità. L'aspetto scandaloso e altrettanto pericoloso, in tutta questa vicenda, consiste nell'appoggio indiscriminato dato da larga parte della "base" a questo progetto dell'amministrazione.

Siamo ben consapevoli dell’esistenza, su tutto il territorio nazionale, di una rete composta da soggetti scientifici, politici e realtà cosiddette “di base” impegnata da anni a giustificare, promuovere e sponsorizzare la realizzazione di questa vera e propria “strategia impiantistica”, ma in nessun caso conosciuto si riscontrava fino ad oggi un fronte tanto vasto di spudorata subalternità della “base” ai voleri dei vertici politici e delle lobby. In un quartiere difficile, già minato da disagio, carenza di servizi pubblici essenziali e dinamiche di alienazione sociale, l’interesse collettivo viene così palesemente sacrificato agli interessi affaristici.

Mentre ormai l’Italia intera si ribella al fenomeno speculativo del biogas, perché i danni sono già verificabili in molte regioni invase dai relativi impianti, in Campania la politica si attiva per promuovere con forza questo stesso tipo di soluzioni, e lo fa utilizzando il supporto dei “vertici” di veri e presunti “comitati dal basso”, con cui ha stabilito un pericoloso filo diretto, che in totale controtendenza con lo scenario nazionale, tentano di creare consenso popolare verso le scellerate iniziative dei partiti: e dunque, nel caso di Scampia, note realtà di movimento che si ergono, ipocritamente, a tutori del territorio, provano a dirottare le legittime proteste degli abitanti verso una qualche forma di consenso. Tutto questo con buona pace delle componenti “sane” sicuramente presenti in queste come in tutte le realtà, rispetto alle quali non resta che chiedersi quale sia il grado di consapevolezza delle dinamiche interne di strumentalizzazione che da tanto tempo noi denunciamo.

Va inoltre precisato che la Lobby di Rifiuti Zero Italia, tra i cui responsabili spiccano non pochi consulenti sul tema rifiuti, ha spalancato le porte a tale business su biomasse e biogas. RZ Italia sostiene questa scelta impiantistica, come via preferenziale per il trattamento dell’umido da Raccolta Differenziata, nella recente Proposta di legge di iniziativa popolare RZ, sulla quale è da poco iniziata la discussione alla Camera dei Deputati: a presentare tale proposta è stato Ermete Realacci, noto esponente di Legambiente, estensore di una pessima proposta di legge sui reati ambientali e ambientalista-politico di riferimento del Partito Democratico.

La “fuga in avanti” del Comune di Napoli, l’iperattivismo del vice Sindaco Sodano e di Del Giudice, presidente dell’Asìa, dall’altro, l’appoggio delle componenti di base “amiche” e della sezione campana di Rifiuti Zero, hanno prodotto oltretutto un effetto particolarmente deleterio: quello di consentire alla componente di maggioranza della municipalità di Scampia, espressione della destra peggiore, di strumentalizzare la motivata protesta degli abitanti del quartiere, generando il paradosso di consegnare la rappresentanza dei reali interessi del territorio ad una componente politica ovunque favorevole e sponsor di soluzioni impiantistiche distruttive e nocive per l’ambiente. Che siano impianti a biomassa/biogas, discariche o inceneritori, si dimostrano essere tutte “soluzioni” delle quali, comunque, è fin troppo nota la trasversalità politica e di convenienze economiche.

Difficile, o meglio impossibile, per il Comune di Napoli e per i comitati che l’appoggiano, spiegare la convenienza tecnica degli impianti di digestione anaerobica per il trattamento dell’umido, visto che il digestato prodotto da tali impianti, rientrando nell’ambito della normativa sui rifiuti, va comunque ulteriormente trattato; visto che i digestori anaerobici presentano gravissime problematiche in termini di scarso controllo della proliferazione di batteri, anche molto pericolosi per la salute umana; visto ancora che ad un impianto di biodigestione va comunque affiancato un impianto di depurazione dei reflui liquidi prodotti dal primo; visto che la combustione del biogas e/o del biometano prodotto si lega a molteplici criticità, tra le quali quelle riferibili alla gestione degli inquinanti che possono contaminare inizialmente l’umido trattato; visto che la “massa” utile prodotta in uscita è decisamente inferiore a quella che si otterrebbe attraverso una corretta filiera di trattamento dell'umido tramite compostaggio aerobico; visto infine che sono impianti assai costosi per la collettività, poiché a tecnologia e filiera lunga e complessa, e di dubbia efficacia in termini di resa energetica. Piuttosto va detto che, al pari di un inceneritore, un digestore anaerobico offre enormi e ingiustificati “benefici economici” a vantaggio esclusivo di chi lo realizza e gestisce. Senza gli incentivi, che tanto costano ai cittadini, gli impianti sarebbero fallimentari!

Considerato che il processo industriale dei digestori anaerobici richiede l’utilizzo di additivi chimici, che gli impianti possono trattare anche il peggiore umido da FORSU (compreso quello proveniente dagli STIR) e che la convenienza economica è tanto maggiore quanto maggiore è la quantità di materiale trattato, si generano conseguenze indotte negative: nel migliore dei casi, l’effetto distorsivo di una riduzione dei controlli di qualità a monte, come sta già ampiamente accadendo oggi a Napoli, con il fallimento disastroso della raccolta porta a porta; nel peggiore dei casi, l’immissione nell’impianto di “sostanze aggiunte” (fanghi civili ed industriali, prodotti di colture energetiche ed altro) per aumentare la quantità di “gas” generato su cui speculare economicamente. Ne deriva dunque che il prodotto è un digestato inservibile ed assolutamente inadatto ai processi agricoli o al “riempimento” di cave, che va pertanto conferito in discarica o utilizzato come CDR-CSS (combustibile da rifiuti-combustibile solido secondario).

Assistiamo oggi dunque alla triste involuzione di una vasta parte del movimento campano che, gettata via la maschera, dimostra quanto la politica sia riuscita a permeare e corrompere i movimenti dal basso con logiche di compromesso e convenienza, riducendo le loro lotte a mere questioni di arrivismo e di rendite politiche per i soliti noti, che nulla hanno a che fare con la tutela dell’ambiente. Così hanno mortificato e fatto retrocedere di anni molte conquiste culturali, le esperienze ed i saperi in tema ambientale che tante realtà locali e gruppi di cittadini avevano maturato, attraverso lunghi periodi di lotta, confronto e approfondimento, mentre fronteggiavano la violenta situazione di emergenza e devastazione del territorio campano.

Di fronte a tutto questo, noi ribadiamo con forza la necessità di “liberare” le lotte dalle ipocrisie e dalle deviazioni politiche che le hanno condizionate negli ultimi tempi, di risvegliare la parte “sana” delle realtà di movimento e recuperare il percorso di elaborazione autonoma, di rivendicare soluzioni che non svendano salute e terra, non mortifichino le capacità produttive, non aggravino ulteriormente la sin troppo compromessa situazione socio-ambientale della nostra regione e del resto d’Italia.

Da Scampia va rilanciato un progetto di equità sociale che passi attraverso le categorie ambientali, per affermare il diritto alla dignità, alla salute, alla salubrità della terra, e soprattutto ad un “futuro” in cui le pessime condizioni di vita attuali siano solo un lontano ricordo. Un futuro che ci riguarda tutti, un impegno che non vogliamo disattendere.

Napoli, 24/03/2015

CO.RE.ri.  - Coordinamento Regionale rifiuti della Campania
Tel: 334-6224313– 393-5477300
http://www.rifiuticampania.org
http:// www.facebook.com/CoordinamentoRegionalerifiutiCampania
contatti@rifiuticampania.org

Allegati

  • Sul Biodigestore a Scampia (74 Kb - Formato pdf)
    Documento di posizionamento del Coordinamento Regionale rifiuti - Campania
    PDF logoIl documento è in formato PDF, un formato universale: può essere letto da ogni computer con il lettore gratuito "Acrobat Reader". Per salvare il documento cliccare sul link del titolo con il tasto destro del mouse e selezionare il comando "Salva oggetto con nome" (PC), oppure cliccare tenendo premuto Ctrl + tasto Mela e scegliere "Salva collegamento come" (Mac).

Normative, leggi

Rassegna Stampa

  • Catrame ed amianto nelle terre dei pomodorini Dop

    Scoperti bidoni, liquami, scarti di lavorazione di pellame e persino amianto nella zona dei cosiddetti pomodori del “piennolo” del Vesuvio
    3 ottobre 2014 - Amalia De Simone
  • Terra dei Fuochi: ora si cercano rifiuti nucleari. A rischio 51 siti tra Caserta e Napoli

    Stop alle indagini iniziate lo scorso 12 maggio, occorre intervenire con droni e magnetometria. Perentoria lettera dell'Agea: "Sospendere attività su siti di terza e quinta categoria"
    4 giugno 2014 - redazione
  • Rifiuti. Bonifiche e decreto "Destinazione Italia"

    Destinazione ignota. Di sicuro, lontano dall’Europa (note sul decreto "Destinazione Italia" in tema di bonifiche di Sin)
    9 febbraio 2014 - Stefano PALMISANO
  • I dubbi del servizio studi della Camera

    Il condono sulle bonifiche

    Il decreto "Destinazione Italia" modifica i meccanismi d'intervento sui siti d'interesse nazionale (Sin), 39 aree altamente inquinate su cui intervenire in via prioritaria. Verrebbe meno il principio comunitario "chi inquina paga", e la firma di un accordo di programma congelerebbe le responsabilità di chi ha prodotto il danno. Il testo in conversione alle Camere
    4 febbraio 2014 - Luca Matinelli
  • LA SCOMMESSA Vincere la diffidenza: il 75% degli italiani "snobba" il settore agroalimentare campano

    Qr Code, dati "veloci" su provenienza e analisi

    1 febbraio 2014 - claspa
  • Il consigliere regionale Pd replica al governatore che aveva rivendicato il merito di averlo istituito con un decreto nel 2012

    Russo: il registro tumori esiste solo sulla carta

    1 febbraio 2014 - Simona Brandolini
  • Terra dei fuochi La Regione vara il «Qr Code»: sul telefonino le analisi dei prodotti

    «Cibo campano, Nord sciacallo»

    Basso (Industriali): noi denigrati dai concorrenti
    Intesa Regione-produttori: si potrà verificare con lo smartphone Basso, presidente Confindustria: «II Nord specula sull'emergenza
    1 febbraio 2014 - Angelo Agrippa
  • Intesa Regione-Confindustria: un'app per scoprire provenienza e controlli

    Ricerca choc: 3 italiani su 4 rifiutano i prodotti campan

    Tre italiani su quattro: provenienza decisiva nell'acquisto
    Le risposte: «È tutta responsabilità dell'illegalità al Sud e poi delle aziende del Nord»
    1 febbraio 2014 - Cristiano Tarsia

Comitato Allarme Rifiuti Tossici

Comitato Allarme Rifiuti Tossici

Sito Ufficiale del Comitato Allarme Rifiuti Tossici Campania

ComER

AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale
  • MA SAN NICOLA RICORRE A STRASBURGO

    Lo Uttaro, ricorso contro New Ecology Attivata la Corte dei diritti dell’uomo: impugnato dinanzi ai giudici l’atto di apertura del sito CASERTA — La vicenda Lo Uttaro finirà dinanzi alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo. L’associazione Strada Nuova di San Nicola la Strada ha infatti dato mandato agli avvocati Renato Labriola e Giuseppe Amato di […]
    Fri, 12 Jul 2013 15:28:45 +0000 -
  • A CASERTA CONSIGLIO COMUNALE INDECOROSO

    SULLO STOCCAGGIO DI RIFIUTI A LO UTTARO Un comunicato del Com.E.R. Indecoroso il comportamento di gran parte del Consiglio Comunale di Caserta, che ha bocciatomercoledì sera la mozione sulla New Ecology presentata dai consiglieri di Speranza per Caserta, Norma Naim e Francesco Apperti, e dal Consigliere del FLI, Luigi Cobianchi. La mozione ribadiva la necessità […]
    Fri, 12 Jul 2013 15:18:24 +0000 -
  • APPROVATO IL DECRETINO SUI RIFIUTI

    Dai rifiuti Campania ai bioshopper Il decreto sull’Ambiente è legge La Repubblica Tre articoli: il primo per far fronte alla situazione di criticità nella gestione dei rifiuti della Campania; il secondo sui sacchetti biologici; il terzo sui materiali di riporto - ROMA – Il Senato ha approvato definitivamente il decreto Ambiente, … -Archiviato in:Link
    Wed, 21 Mar 2012 21:47:30 +0000 -

Benevento Ecosolidale

Benevento EcoSolidale

  • Bando per la realizzazione di orti sociali

    Progetto POR FSE 2007/2013. Obiettivo Operativo “Rafforzare la cultura delle pari opportunità” – D.D. n. 959 del 23/12/2009 “Avviso Pubblico per il finanziamento di progetti sperimentali per la realizzazione di orti sociali”. IL DIRIGENTE IL IV SETTORE Visto: – la Deliberazione di Giunta Regionale della Campania n. 1658 del 30/10/2009, pubblicato sul B.U.R.C. n. 69 […]
    Wed, 18 Apr 2012 11:04:36 +0000 -
  • Concorso fotografico in occasione della 42ª Giornata Mondiale della Terra (22 aprile)

    Il concorso è rivolto a tutti e per partecipare basta inviare una sola fotografia, secondo le modalità previste dal bando, all’indirizzo di posta elettronica: obiettivoterra3@fondazioneuniverde.it. Scade il 25 marzo 2012. Per visualizzare il bando clicca qui
    Mon, 05 Mar 2012 14:22:29 +0000 -
  • Concorso “Economia e risparmio”

    La  fondazione Angelo Affinita ONLUS mette a disposizione 9 borse di studio, prefiggendosi di dare precedenza ai partecipanti in stato di maggior bisogno economico. Di particolare interesse la sezione A (destinata agli alunni dell’ultimo anno della scuola primaria), La cicala risparmiosa: “si richiede al concorrente di inviare un elaborato, con particolare focalizzazione sul tema del Risparmio. Tipologia di elaborato: […]
    Mon, 27 Feb 2012 12:55:56 +0000 -
  • Sull’inaccertata malattia mentale dei “cacciatori a tutti i costi”

     Alla memoria di Paola Quartini ed Elvio Fichera Definisco “cacciatori a tutti i costi” quella tipologia di cacciatori che, ben lontani dall’esser guidati dalla necessità primordiale del sostentamento, uccidono soltanto per divertimento, per la soddisfazione di privare della vita creature indifese, colpendole allo sprovvisto o intrappolandole in tranelli altrettanto meschini. Questo tipo di gioia nell’uccidere […]
    Sat, 11 Feb 2012 12:45:15 +0000 -

CO.DI.S.AM

CO.DI.S.AM difesa salute e ambiente Sant'Arcangelo Trimonte -BN

Comitato Civico San Giorgio a Cremano

Comitato Cittadino di San Giorgio a Cremano

Ambiente, risparmio ed ecologia a Napoli
  • Si parte con “l’Abc.” A Napoli l’acqua diventa bene comune

    di Luigi Rubino L’ultimo esito positivo del referenduma dello scorso giugno sulla non privatizzazione dell’acqua ha dato un sostanziale segnale verso l’uso di questo bene naturale ed indispensabile per la nostra esistenza. Il Consiglio comunale di Napoli, in seduta pubblica e solenne, ha infatti votato la ripubblicizzazione del servizio idrico che sarà gestito da un nuovo […]
    Thu, 05 Feb 2015 18:08:38 +0000 -
  • Lettera aperta sull’acqua

    Egregio sig. Sindaco, la recente e vittoriosa campagna referendaria contro ogni tipo di privatizzazione e lucro sull’acqua bene comune, e su rifiuti e trasporti, che ha visto questo Forum partecipare attivamente fianco a fianco con il locale Comitato per l’acqua pubblica, con varie associazioni, movimenti e partiti che fanno riferimento alla sinistra parlamentare ed extraparlamentare, risulta […]
    Thu, 05 Feb 2015 18:03:49 +0000 -
  • Regali di Natale 2011, il risparmio a lungo termine di una bici elettrica

    Una bici elettrica come regalo di Natale? Sul portale di e-commerce Rocketbiking, interamente dedicato allebici elettriche, sono disponibili oltre venti modelli. La consegna avviene in uno speciale imballaggio completamente riciclabile. Certo, non è la classica eco-strenna low cost, perché è un acquisto decisamente più impegnativo. I costi sono ancora non proprio sostenibili, a partire da 640 euro, ma il […]
    Thu, 05 Feb 2015 18:02:36 +0000 -

Meetup Nola

Amici di Beppe Grillo di Nola e di Saviano (Napoli): What's New

Meetup.com organizes local gatherings about anything, anywhere.
  • Discussion: Progetto adotta una ASL in Campania

    Avviato il Monitoraggio della trasparenza ASL e ospedali della CAMPANIA
    Effettuate 5 segnalazioni all'ANAC per mancanza del nome del Responsabile della Trasparenza o perchè si trova nella sottosezione dedicata al Programma della Trasparenza, o p...

    Join this discussion.

    Thu, 26 Mar 2015 04:44:45 EDT -
  • Member: monica montella

    This member has not yet entered a bio.

    Thu, 26 Mar 2015 04:44:28 EDT -
  • Member: Giovanni

    This member has not yet entered a bio.

    Thu, 19 Mar 2015 07:17:31 EDT -